Location

 

 

LOGGIA DELLA MERCANZIA

Piazza Banchi, 16123 - Genova

Phone: +39 010 5574958

loggiabanchi@comune.genova.it

www.museidigenova.it/it/museo/loggia-della-mercanzia

Da lunedì al sabato h. 09:00-18:00 / domenica chiuso

 

Le origini 

di questo edificio risalgono al Medioevo, quando nella zona adiacente al porto si effettuavano contrattazioni di merci e valute. La costruzione dell'edificio fu voluta dai Padri del Comune, amministratori della città, nel contesto della sistemazione urbanistica della piazza Banchi (così chiamata per la presenza dei banchi dei cambiavalute), dopo un incendio avvenuto alla fine del XIV secolo.

 

Un primo edificio destinato ad ospitare le contrattazioni di mercanti e banchieri venne costruito nel 1415. Al centro era sistemata una grande pietra dove il cintraco, ovvero il pubblico banditore, leggeva ad alta voce le disposizioni emanate dalle autorità. L'originaria costruzione, seriamente danneggiata da un incendio nel 1455 e successivamente restaurata, verso la fine del XVI secolo fu sostituita dall'attuale, costruita tra il 1589 e il 1595, il cui progetto è attribuito ad Andrea Ceresola, detto il Vannone, con la collaborazione di Giovanni Ponzello. Nel corso degli anni è stata oggetto di vari interventi decorativi.

 

La loggia fu ceduta alla Camera di Commercio nel 1839 e subì un generale restauro su progetto di Giovanni Battista Resasco: in questa circostanza i due lati aperti, quelli affacciati su piazza Banchi e via Banchi, furono chiusi con vetrate.Incisione raffigurante l'interno della loggia nel XIX secolo.

Dal 1855 ospitò la Borsa valori e la Borsa merci.

Nel 1912 la prima fu trasferita nella nuova sede di piazza De Ferrari, mentre rimase a Banchi la Borsa merci. A causa di un bombardamento aereo nel 1942 il tetto, che aveva una volta a padiglione con struttura in legno, venne distrutto da un incendio; nel 1950 dopo i restauri e la ricostruzione della copertura con armatura metallica la loggia fu riaperta e destinata ad attività culturali. Attualmente ospita mostre ed eventi culturali.

 

Descrizione

L'interno si presenta come un unico ambiente a pianta rettangolare con la volta sostenuta da una serie di colonne doriche binate lungo il perimetro, senza elementi di sostegno interni. Le arcate su via e piazza Banchi sono, come detto, chiuse da vetrate, mentre sono cieche quelle rivolte verso piazza Senarega e quelle addossate al palazzo adiacente.

Sulla parete di fondo si trova un affresco, realizzato alla fine del XVI secolo dal pittore toscano Pietro Sorri, raffigurante la Madonna in trono col Bambino e i Santi Giovanni Battista e Giorgio, patroni di Genova.

Il dipinto si è salvato dall'incendio conseguente al bombardamento del 1942, mentre è andato distrutto quello nella volta, di Giovanni Battista Brignole, raffigurante lo stemma della Repubblica di Genova.

All'esterno lo spazio al di sopra degli archi è decorato con una serie di bassorilievi raffiguranti trofei d'armi, realizzati da Taddeo Carlone.

1/1

All rights reserved. Use without my permission is illegal - Copyright ©2016/2019 - Project by Francesco Arena - Designed by Benedetta Spagnuolo 

  • email Other
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now